Il Bolle and Friends a Taormina

Postato il 28 maggio 2013, in Comunicazione, Spettacoli

Una delle stelle più splendenti del panorama coreutico internazionale è sicuramente Roberto Bolle, vanto nazionale e bandiera della danza italiana nel mondo. La carriera dello straordinario ballerino, nato a Casale Monferrato, prende il via dal Teatro alla Scala di Milano, dove Bolle si distingue ben presto per le sue eccezionali doti artistiche; in seguito l’étoile è riuscito a conquistare traguardi importanti ed enormi soddisfazioni. Infatti, non solo ha avuto l’onore di ricoprire i ruoli più importanti del balletto classico, ma ha iniziato collaborazioni prestigiose, come per esempio quella con l’American Ballet. Inoltre, da qualche anno a questa parte, Bolle è riuscito a realizzare un grande sogno, ovvero quello di realizzare uno spettacolo tutto suo, il Bolle and Friends, in cui, insieme ad altri talenti di fama internazionale del balletto, si celebra la danza ai suoi massimi livelli.
Anche quest’anno Roberto Bolle porterà il suo spettacolo in giro per l’Italia, calcando i palcoscenici più importanti del nostro paese; un appuntamento da non perdere sarà sicuramente quello del 26 luglio al Teatro Antico di Taormina, dove il Roberto Bolle and Friends from the American Ballet Theatre aprirà il Sicilia Musica Estate 2013.
Quest’anno, per la prima volta, il nostro straordinario ballerino è riuscito a portare in scena un progetto straordinario, chiamando a raccolta alcuni dei grandi talenti che animano la stagione di balletto del Metropolitan di New York. Insieme a loro, l’étoile interpreterà una serie di brani da lui stesso scelti tra le coreografie più rappresentative dell’American Ballet Theatre… [leggi tutto]

Continua a leggere...
Taggato con:  

Dal 26 Aprile al 4 Maggio sul palco del Teatro alla Scala è la volta di un grande ritorno, quello del capolavoro del balletto classico romantico Giselle, eterna storia di amore e morte.
In repertorio del Corpo di Ballo del Teatro alla Scala da ormai lunghissimo tempo, tanto da esserne diventato uno dei più seguiti balletti in cartellone, l’attesa per questa pietra miliare del balletto è tanta anche per le due grandi star che si accingono a interpretarlo: Roberto Bolle e Svetlana Zacharova.
Dalla prima volta in cui hanno calcato le scene insieme in Giselle nel 2005 in occasione dell’avvenuta restaurazione del Piermarini, la coppia formata dalle due Etoiles internazionali è divenuta una delle più applaudite e apprezzate. Bolle, orgoglio nazionale formatosi alla Scala e oggi stella della danza a livello mondiale, e la Zacharova, etoile del balletto classico di origini russe che non ha bisogno di presentazioni, hanno raggiunto un tale affiatamento e una elevata maturità tecnica e stilistica nei ruoli di Giselle e Albrecht, da essere ormai entrati nella storia, insieme alle indimenticabili coppie composte da Fonteyn-Nureyev e Fracci-Bruhn.

Giselle racchiude nei suoi due atti tutti gli elementi fondativi del balletto romantico, esaltati da una storia universale e senza tempo, che vive in una struttura ballettistica diventata oggi pura tradizione. Nata dall’idea del romanziere francese Théophile Gautier, e musicato da Adolphe-Charles Adam, uno tra i più celebri compositori di musiche per balletto, la coreografia fu affidata a Jean Coralli e Jules Perrot, ed è presente e tramandata nel repertorio scaligero nella versione di Yvette Chauviré. Una composizione che si intreccia tra un mondo solare e contadino, di feste popolari, di gioia semplice, e un mondo misterioso e oscuro dove regnano gli spiriti, le Willi. Una storia d’amore, tradimento e redenzione in cui i protagonisti, nello sviluppo coreografico, devono saper alternare il registro tecnico-espressivo con grande padronanza stilistica dall’allegria alla disperazione che porta con sé la consapevolezza che la vita non ha scopo senza amore, ma che solo l’amore vero e sincero può salvare dalla morte… [leggi tutto]

Continua a leggere...

Notre-Dame de Paris alla Scala con Roberto Bolle e Natalia Osipova

Postato il 8 febbraio 2013, in Comunicazione, Spettacoli

In questo periodo uno dei più grandi ed autorevoli autori della letteratura francese sta letteralmente dominando la scena artistica internazionale: Victor Hugo e le sue opere sembrano essere diventate le principali forme di ispirazione dell’arte moderna. Nelle sale cinematografiche italiane e straniere sta riscuotendo un enorme successo la versione per il grande schermo de “Les Misérables”, musical presente nei teatri londinesi da anni, e che finalmente ha conosciuto la ribalta internazionale grazie alle splendide interpretazioni di Hugh Jackman, Russell Crowe, Anne Hathaway e Amanda Seyfried. Il film, diretto dallo stesso regista de “Il discorso del re”, ha fatto incetta di premi ai Golden Globe ed è ormai lanciatissimo verso gli Oscar.
Il mondo del teatro ha attinto ampiamente dal genio dello scrittore francese: Riccardo Cocciante ha portato al successo il musical Notre-Dame de Paris, che è appena ripartito per l’ennesima tournée; tuttavia anche la danza non è rimasta insensibile alla toccante vicenda che vede come protagonisti il gobbo Quasimodo, la zingara Esmeralda, il prete Frollo e il capitano della guardia Febo. Infatti, dal 10 febbraio al 5 marzo, il Teatro alla Scala di Milano avrà l’onore di ospitare Notre Dame de Paris, una produzione del teatro Bolshoj di Mosca, con la coreografia e il libretto di Roland Petit. Gli interpreti di Frollo, Febo, Esmeralda e Quasimodo porteranno in scena tutta la drammaticità e la poesia di questa struggente storia di amore e morte, che ha come sfondo la regina di Parigi, ovvero la cattedrale di Notre Dame.
Le musiche sono di Maurice Jarre, le scene di René Allio, i costumi del celebre stilista Yves Saint-Laurent; tutto questo, insieme alla trama intessuta da Victor Hugo, ritorna alla Scala dopo ben 10 anni, con lo scopo non solo di incantare il pubblico ma anche di celebrare la vena artistica di uno dei grandi geni del teatro moderno, ovvero Roland Petit, personaggio che è sempre stato in grado di far emergere con chiarezza la sua visione di spettacolo come una creazione totale, che coinvolge danza, costumi, scenografia e arte drammatica.
L’apertura vedrà in scena due artisti di rilievo come Natalia Osipova e il nostro Roberto Bolle, che debutteranno per la prima volta insieme non solo come coppia, ma anche nei ruoli di Esmeralda e Quasimodo, cavallo di battaglia di Massimo Urru, che sostituirà Bolle il 19 e il 21 febbraio. Lo spettacolo inoltre sarà ripreso dalle telecamere della RAI e verrà trasmesso in diretta il 14 febbraio sul circuito cinematografico digitale; per chi non potrà seguirlo quel giorno, verrà trasmesso in differita il 17 febbraio alle ore 21.15 su Rai 5.

Continua a leggere...