La prima volta che ho fotografato la danza credo sia stato a Rimini nel 1993 durante i festeggiamenti per il centocinquantenario dall’apertura degli stabilimenti balneari: era uno spettacolo all’aperto sul Piazzale Boscovich (per chi conosce Rimini, l’area a fianco del porto canale dove fermano al mattino i pescherecci).

Sul palco Oriella Dorella col Corpo di Ballo della Scala.

Avevo 22 anni e la figura leggera e soave della ballerina mi piaceva, le ballerine rappresentavano  l’idea della creatura delicata e romantica.

Ho cominciato a fotografare perché lo faceva mio babbo, avevamo la camera oscura per il bianco e nero, l’attrezzatura l’aveva acquistata assieme ad un amico; ricordo vagamente la sera in cui entrarono dal portone con la scatola dell’ingranditore e altre cose interessanti e curiose per un bambino, una specie di attrezzatura per il piccolo chimico.

Mio babbo faceva parte del fotoclub di Rimini, con la macchina si divertiva ed evidentemente questa cosa arrivava come un gioco anche a me; tra l’altro faceva buffi fotomontaggi tra disegni e fotografie, oltre alle foto serie: ricordo un disegno di un casco con il viso di Randy Mamola (che a quel tempo correva per la Bimota a Rimini).

Lavorava per la Bimota e principalmente si occupava delle traduzioni, ricordo le sere in camera oscura a stampare foto di motociclette, ricordo molte moto da corsa, qualcosa anche a colori, poteva venirmi voglia di avere la moto essendo in Romagna, ma invece mi è venuta voglia di avere la macchina fotografica.

Così in quarta elementare portai con me la Zeiss Ikon Contaflex con dentro rigorosamente pellicola in bianco e nero. A Urbino scattai un panorama della città in due inquadrature parallele che si montavano quasi perfettamente e di cui vado ancora orgoglioso, poi ovviamente altre foto completamente inutili.

Da quel momento non ho più smesso di fotografare.

Casa del Popolo di Grassina (FI) 2002 – Allieve della scuola Hamlyn di Firenze

VN:F [1.9.13_1145]
Rating: 9.8/10 (5 votes cast)
VN:F [1.9.13_1145]
Rating: +2 (from 2 votes)
Scatti di Danza: Luca Di Bartolo, presentazione, 9.8 out of 10 based on 5 ratings
Taggato con:  

Comments are closed.