Concorso Letterario IoDanzo – Prima Edizione
Testo in gara

E’ difficile descrivere cosa si prova ad avere la danza come compagna di vita, soprattutto se si ha avuto l’opportunità di leggere la “Lettera alla danza” di Rudolf Nureyev. Dopo le sue parole qualsiasi cosa cercheremo di dire o di scrivere sarà sempre “troppo poco”.
La danza…dal momento in cui la incontri per la prima volta e a mano a mano che si insinua nella tua anima, sarà poi impossibile “liberarsi” di lei.

E’ altrettanto difficile spiegare cosa si prova quando si balla o quando si insegna…alle mie allieve dico spesso: “Quando danzate dovete sentire le farfalle nella pancia!”
Perché secondo me è così…fintanto si sentiranno le farfalle, finchè il cuore cambierà il suo ritmo quando
si sale sul palco, allora la danza sarà dentro di noi e sarà nostra fedele compagna.

E’ un pò come essere i musicisti del proprio corpo…amo molto guardare il mio amico Marco, direttore d’orchestra, quando dirige: lui è tutt’uno con la musica, dentro di lui in quel momento ci sono solo note, accordi, suoni…lui è la musica stessa.
E così credo debba essere quando si balla: avere solo la danza dentro di noi, diventare armonia, liberare i movimenti che nascono dal nostro cuore.

Ognuno di noi è ballerino a suo modo, anche se non studia danza.
Basta solo cercare e trovare la danza che è nascosta dentro di noi.
Da piccola desideravo fare la maestra, per seguire le orme di mia cugina che faceva la scuola magistrale.
Alla fine in qualche modo il mio desiderio si è avverato: sono una maestra, ma di danza!
E vedere le allieve imparare quello che a mio tempo ho imparato io è un’emozione pazzesca…la danza è
la mia compagna di vita da sempre, è per me una cosa talmente logica dividere la mia vita con lei che
non potrei mai starne senza, è il mio pensiero costante e per lei ho “sacrificato” (nel senso buono!) ore,
giorni, anni, senza dovermene mai pentire o dovermi girare indietro.
La danza è sacrificio, ma anche soddisfazione e appagamento interiore.
La strada di una ballerina, la strada della danza, è piena di ostacoli e molto impervia, ma conta essenzialmente quello che si ha nel cuore.
I miei occhi sono appagati e il mio cuore è pieno di bellezza quando vedo sul palco ballerini impeccabili
e la danza che riempie tutto il teatro…non è facile dire in poche righe cosa sia veramente la danza…
Mettete una mano sul vostro cuore, ascoltatene i battiti e danzate! Ecco…l’avete trovata! Ora avete in voi
la vostra danza!

VN:F [1.9.13_1145]
Rating: 7.1/10 (13 votes cast)
VN:F [1.9.13_1145]
Rating: +2 (from 6 votes)
"La mia compagna Danza" di Stefania Lissa, 7.1 out of 10 based on 13 ratings

Comments are closed.